Sorrentino fa discutere i francesi. Due italiani in gara e guerra ai selfie: ecco Cannes

Sorrentino fa discutere i francesi. Due italiani in gara e guerra ai selfie: ecco Cannes
TiscaliNews

Niente selfie, siamo a Cannes. Ma anche un giallo sulla partecipazione di Paolo Sorrentino e del suo film dedicato a Silvio Berlusconi. E poi l’annuncio dei due film italiani in gara. A Parigi si è svolta la conferenza stampa di presentazione del Festival di Cannes 2018 (8-19 maggio) e il delegato generale del Festival, Thieerry Fremaux ha svelato la selezione ufficiale e spiegato le scelte.

L’Italia andrà a caccia della Palma d'oro con due film in gara. “Lazzaro felice” di Alice Rohrwacher' e “Dogman” di Matteo Garrone, pellicola che prende spunto dalle cronache sul 'Canaro' della Magliana, interpretato da Marcello Fonte ed Edoardo Pesce. "Lazzaro felice", interpretato da Adriano Tardiolo, Luca Cikovani, Agnese Graziani, Alba Rohrwacher, Sergi Lopez, Tommaso Ragno, Natalino Balasso, con la partecipazione di Nicoletta Braschi, racconta la storia di Lazzaro, il santo che tutti credono idiota, che per amicizia diventa cavaliere, rapitore e ladro di banche. Vive mille avventure ma rimane sempre lo stesso, mentre il mondo intorno cambia e lo travolge.

 Altra presenza importante sulla Croisette è “Euphoria”, nuovo film da regista di Valeria Golino. La pellicola, interpretata da Valerio Mastandrea e Riccardo Scamarcio, racconta di due fratelli che si ritrovano dopo molto tempo e andrà al Festival nella sezione 'Un certain regard'.

Restano fuori dal cartellone del festival francese, almeno al momento, “Loro” di Paolo Sorrentino e “Soldado” di Stefano Sollima. L'Italia è presente invece tra i 17 titoli della selezione Cinefondation con 'Così in terra' di Pier Lorenzo Pisano, cortometraggio di 13 minuti prodotto dal Centro Sperimentale di Cinematografia. Ed è proprio riguardo al filnm di paolo Sorrentino che Fremaux ha spiegato: " Non è certamente la sua lunghezza, il fatto è che il film esce in Italia in due parti. Una uscirà prima dell'inizio del Festival di Cannes (il 24 aprile, “Loro 1”, mentre il 10 maggio sarà in sala “Loro 2”). La natura stessa di quel progetto ci ha fatto un po' esitare sul modo in cui mostrare il film a Cannes. Le discussioni sono ancora in corso": " Una delle due parti esce ora, esce prima di Cannes. Quindi la natura stessa di questo progetto ci ha fatto un po' esitare rispetto al mondo in cui mostrare il film a Cannes. Le discussioni sono ancora in corso".

Hi invece tornerà in concorso è Jean-Luc Godard, 87 anni, con il suo film 'Le Livre d'Image'. Ma ecco la selezione ufficiale: In gara per la Palma troviamo, oltre al già annunciato film d'apertura 'Everybody Knows' di Asghard Farhadi e ai due titoli italiani di Garrone e Rohrwacher , 'Le livre d'image' di Jean-Luc Godard, 'En guerre' di Stephan Brizé, 'Asako I & II' di Ryusuke Hamaguchi, 'Plaire aimer et courir vite' di Christophe Honoré, 'Les filles du soleil' di Eva Husson, 'Ash is Purest White' di Jia Zhang-Ke, 'Shoplifters' di Hirokazu Kore-Eda, 'Capharnaum' di Nadine Labaki, 'Burning' di Lee Chang-Dong, 'Blackkklansman' di Spike Lee, 'Under the Silver Lake' di David Robert Mitchell, 'Three Faces' di Jafar Panahi, 'Cold War' di Pawel Pawlikowski, 'Yomeddine' di A.B Shawky, 'L'été' di Kirill Serebrennikov".

Fuori concorso invece sarà il film di Wim Wenders dedicato a Papa Francesco: il delegato generale Thierry Fremaux ha annunciato nella selezione non competitiva Papa Francesco - Un uomo di parola. Vuole essere un viaggio personale in compagnia di Papa Francesco, più che un documentario biografico relativo alla sua figura. Gli ideali del Papa ed il suo messaggio sono centrali in questo documentario, che si prefigge di presentare la sua opera di riforma e le sue risposte riguardanti alcune questioni di livello globale.

Si è anche parlato della decisione di vietare i selfie sul red carpet: “A Cannes si va per guardare, non per essere visti", così ha dichiarato. Thierry Fremaux. “I selfie? " 9 volte su 10 sono brutti", gli ha fatto eco Pierre Lescu.